Archive for maggio 2014

Il “3T con i Nonni” al Seminario Nazionale “Indicazioni per promuovere competenze”

31 maggio 2014

Il 29 e 30 maggio si è tenuto ad Abano Terme il primo Seminario Nazionale per l’accompagnamento delle Indicazioni Nazionali 2012: “Indicazioni per promuovere competenze”.

Progettare i curricoli e la didattica per competenze alla luce delle Indicazioni Nazionali: questa la finalità del Primo seminario nazionale per Dirigenti Scolastici e per docenti delle scuole dell’infanzia e del primo ciclo di Istruzione, che l’USR Veneto ha organizzato in collaborazione con il MIUR.

Dal sito dell’USR del Veneto

logo-seminario

Il nostro Progetto “3T: Tessere Tanti Testi… con i NONNI” è stata una delle esperienze significative presentate nel meeting point, come esempio di “percorso di ricerca sugli strumenti didattico-educativi per la formazione di persone e cittadini competenti”.

A tutto lo staff dell’USR del Veneto i più vivi complimenti per l’ottima riuscita dell’evento e un vivo ringraziamento per averci offerto l’opportunità di partecipare!

Ins. Barbara & community 3T

L’album fotografico dell’esperienza:

Il Progetto 3T al Seminario nazionale di Abano – USR Veneto & MIUR
  • La notizia sul sito delle Indicazioni Nazionali – MIUR
  • La notizia su “OrizzonteScuola”

 

Annunci

Un ponte di emozioni tra generazioni al Palatezze di Arzignano

27 maggio 2014

Mercoledì 14 maggio, il Palatezze di Arzignano era gremito di persone per la festa conclusiva del percorso biennale “3T: Tessere Tanti Testi… con i NONNI”! 😀

I 160 alunni 3T, insieme a una sessantina di nonni, sono stati i veri protagonisti dell’emozionante evento che ha riunito due generazioni lontane nel tempo ma vicine nel cuore! 🙂
La festa è stata un’occasione per condividere con il numerosissimo pubblico presente le attività e il significato del Progetto, che ci ha permesso di riscoprire e valorizzare la cultura locale e le tradizioni di un tempo attraverso le coinvolgenti e autentiche narrazioni orali dei nonni, immortalate in video e podcast grazie alle tecnologie sociali abilmente utilizzate dai bambini e insegnanti 3T! 🙂

Riviviamo insieme alcuni significativi momenti della festa:

  • Il video della canzone “Tu sarai”, l’inno del Progetto “3T: Tessere Tanti Testi con… i NONNI”, con cui gli alunni 3T hanno dato il via alla serata. Il brano è stata riconosciuto come canzone della festa dei nonni, che in Italia ricorre il 2 ottobre (data in cui la Chiesa Cattolica celebra gli Angeli Custodi).
    Musica e testo: Walter e Andrea Bassani e Paola Crova, a cui va un ringraziamento speciale! 😀
    Immagini: nonni e alunni 3T dell’I.C. 2 di Arzignano.
  • La presentazione del percorso biennale “3T: Tessere Tanti Testi con… i NONNI” da parte degli alunni 3T.
Gli alunni 3T presentano il percorso “3T: Tessere Tanti Testi… con i NONNI”
  • Un mix di narrazioni in ambiente “real life”, così come si sono svolte nelle nostre aule.
Un mix di narrazioni in ambiente real life
  • Un video che ci mostra il passaggio dalle narrazioni in ambiente “real life” alle narrazioni in ambiente “digital life” con il digital storytelling e il podcasting.
  • L’omaggio di due nonni 3T a tutti i nonni presenti: la poesia di nonno Nello e la canzone di nonno Mario! 😛
L’omaggio di due nonni 3T a tutti i nonni presenti
  • L’album fotografico dello splendido evento:
Festa conclusiva del Progetto “3T: Tessere Tanti Testi… con i NONNI”

 3T-nonni

GRAZIE NONNI!!! 

Incontro con Folco Quilici, un nonno speciale.

6 maggio 2014

Cari amici 3T, anche se è passato un po’ di tempo, vogliamo pubblicare quest’articolo per raccontarvi un’esperienza  con un nonno straordinario, lo scrittore Folco Quilici, che abbiamo incontrato con tutte le classi quinte del nostro istituto il 14 marzo, nell’aula magna della scuola media Motterle 😮

Folco Quilici, che è il più noto narratore italiano di mari e di continenti, nei suoi  numerosi viaggi ha filmato molti dei meravigliosi documentari subacquei, che si vedono in televisione :shoch:

In classe avevamo letto il suo libro “Amico oceano” ed eseguito dei disegni; durante quest’incontro gli abbiamo rivolto alcune domande ❓ e abbiamo scattato delle foto, che si possono vedere qui.

FOLCO QUILICI

Questo scrittore si è interessato agli oceani, che occupano la maggior parte della superficie terrestre. Ha iniziato a fare le immersioni subacquee da giovane e ha compiuto tanti viaggi nei mari e nei continenti 😎

Pensavamo che i protagonisti dei suoi racconti fossero inventati, invece Folco ci ha spiegato  che i personaggi sono esistiti veramente e le sue storie riguardano fatti reali. 😀

I suoi racconti presentano immagini della savana, la vita dei pescatori in diverse parti dell’Africa, le pescatrici di perle in Giappone.

La vicenda di Said è conseguenza della siccità e della carestia che colpì la Somalia.

L’ autore Folco ci ha spiegato che oggi l’ Africa non è più come cinquant’anni fa e il problema più grave che l’affligge sono le guerre, che provocano distruzioni e carestie 😥

Nel libro sono descritti ambienti, animali, molti pesci e il modo di vivere nei villaggi. Anche nell’ intervista lo scrittore ci ha raccontato cose interessantissime sugli animali. La parte che è piaciuta di più all’autore riguarda le donne pescatrici di perle e la protagonista del secondo capitolo, Mizuki.

Questo “nonno illustre” ci ha fatto una buona impressione, ci è sembrato molto preparato e appassionato al suo lavoro. Anche se è anziano, ha saputo dire le cose in modo saggio e vero.

Con noi ragazzi è stato molto gentile e ci ha insegnato che è importante amare la natura.

Grazie, carissimo nonno Folco, per i bellissimi documentari subacquei e per la tua testimonianza tra noi!!!

Alunni 3T della classe 5^ di Costo di Arzignano.

L’incontro con nonno Mario, un grande cacciatore e un esperto pescatore

2 maggio 2014

Cari amici 3t,

martedì 22 aprile, è venuto a trovarci a  scuola Mario, un nonno speciale  che avevamo già conosciuto alla casa di riposo Scalabrin, in occasione della Festa di Carnevale, e che ci aveva cantato “OH, MIA BELLA MADONNINA“. 🙂

Accompagnato dall’educatore Gianluigi, Mario ci ha narrato le sue avventure e in particolare ci ha raccontato che da giovane  è stato un grande cacciatore e  un esperto pescatore.

Per quanto riguarda la pesca ci ha spiegato che il fiume Retrone era per lui  e per la sua famiglia una fonte di “guadagno“. Fin da piccolo, infatti,  accompagnava il suo papà a pescare anguille, lucci, trote e  salgarelle,  utilizzando  la nassa, la “bilancia” e la fiocina detta “frissa“. Ricordando la sua attività di pescatore, però, ci ha precisato più volte che non pescavano per svago, ma per procurarsi il  cibo e per il baratto. I pesci migliori, infatti, venivano portati ai contadini, che in cambio offrivano i loro prodotti come la farina e le uova.  Questo valeva anche per la caccia: Mario ha dedicato molti giorni della sua vita alla caccia alla volpe per vendere la pelliccia a “Aroooo“, lo ” strasaro” che passava per le case e che prendeva, in cambio di altri alimenti, le parti degli animali che non venivano mangiate, come la pelle del “conejo” e  gli ossi, il pelo e  le unghie del “mas-cio“. 😎

Nonno Mario ha fatto per anni anche il “mas-ciaro”, quindi ci ha parlato molto del “mas-cio” e dei suoi usi, ma se  cominciassimo a elencarli tutti, stasera saremmo ancora qui!! 🙂 🙂 Ricordiamo soltanto un proverbio che ci ha recitato:  “Chi che ga el mas-ceto xè un sioreto“. 😉

Mario si è dimostrato un grande intenditore di animali e in particolare di quelli selvatici, dei quali ci ha svelato un sacco di curiosità. Ci ha parlato molto della  volpe,  dei gamberi di fiume, del “mas-ceto riso” e della vipera. 😀

Infine ci ha raccontato una cosa che ci ha fatto rabbrividire: andava  a caccia di rane per mangiarle!  😕  A maggio, ogni sera,   ne catturava circa 150 e lo strumento che usava era la spunciarola 😡 Con “l’acqua in bocca” ci ha raccontato che erano molto buone e che anche queste erano una merce di scambio per i prodotti  dei contadini.

Ecco il podcast dell’intervista nel nostro Learning Seed:

Intervista a nonno Mario, un pescatore e cacciatore speciale Intervista a nonno Mario, un grande cacciatore e un esperto pescatore

Incontro con nonno Mario

 

Ci ha spiegato, però, che non tutte le rane sono commestibili, come ad esempio il rospo che non  ha un buon sapore…. 😆 Per la fortuna della nostra amica “rospa” che è venuta a trovarci a scuola 😉

Proprio così, circa un mese fa, il naturalista Gianprimo Molinaro, ci ha fatto una sorpresa e ci ha portato a scuola una femmina di rospo  🙂 E’ stata una bellissima esperienza perchè abbiamo avuto la possibilità di osservare da vicino questo grosso anfibio marrone, di toccarlo e addirittura di prenderlo in mano. Dopo qualche titubanza iniziale, abbiamo preso coraggio e ce la siamo passati di mano in mano 😛  Che sospiro di sollievo quando abbiamo sentito che nessuno le avrebbe dato la caccia per mangiarsela ❗

Ecco l’album della visita inaspettata 😀

Incontro ravvicinato con una femmina di rospo

Ciao a tutti dagli amici 3T di San Bortolo e dalle maestre Barbara e Giorgia .