Posts Tagged ‘animali’

Mettiamoci alla prova con quiz e cruciverba!

17 luglio 2014

Cari amici 3T,

siamo oramai giunti alla conclusione del nostro percorso “Con i nonni alla scoperta degli animali e delle tradizioni ad essi legate”. E’ stato un “viaggio” che ci ha permesso di esplorare “mondi” affascinanti, narrati dai nostri nonni con saggezza e ricchezza di informazioni! 🙂

Ora siamo in piena estate e molti di noi si stanno rilassando al sole 😛 o percorrendo freschi sentieri di montagna… 🙂
Per chi non sa come ammazzare il tempo o per chi semplicemente vuol divertirsi un po’ nel nostro Learning Seed, abbiamo preparato due giochi simpatici e istruttivi 😀

  •  un CRUCIVERBA SUGLI INVERTEBRATI:

home-cruciverba-invertebrati

e un QUIZ SUGLI ANIMALI DOMESTICI AL TEMPO DEI NONNI:

quiz-animali-domestici

 

Se non capite qualche termine in dialetto veneto, ricordatevi che potete sempre consultare il nostro VOCABOLARIO ON-LINE DIALETTO VENETO – ITALIANO 

Buon divertimento e felice estate! 😎

Alunni 3T delle classi quarte di San Bortolo con le inss. Barbara & Giorgia

 

Il giro del mondo in tre ore con nonno Luciano, alla scoperta degli animali esotici

18 giugno 2014

Carissimi amici 3t,

venerdì 2 maggio è venuto a trovarci a scuola Luciano,

un nonno speciale e vagabondo

che ha girato quasi tutto il mondo.

Con i suoi racconti ci ha fatto sognare

e con le sue spettacolari diapositive ci ha fatto viaggiare.

Siamo partiti dall’Africa lontana

dove abbiamo incontrato gli animali della savana:

tra scimmie, lucertoloni, ippopotami ed elefanti

abbiamo incontrato i ghepardi silenziosi ed eleganti.

Dopo in Australia abbiamo volato

e i canguri abbiamo incontrato:

sono marsupiali molto carini

che saltellano insieme ai loro piccolini.

Con un balzo indietro siamo tornati in Madagascar

e tutti insieme ci siamo messi a curiosar.

Lì c’era una rigogliosa foresta

dove i camaleonti sono sempre in festa,

con l’ambiente amano mimetizzarsi

per riuscire a non mostrarsi.

Infine in Sud America siamo arrivati 

dove l’anaconda ci ha un po’ terrorizzati;

più simpatici ci sono sembrati i lama

che offrono agli abitanti la loro calda lana.

Grazie Nonno Luciano per questo entusiasmante viaggio

noi ti salutiamo e ti mandiamo un forte abbraccio 😀

 

Il podcast di nonno Luciano è pubblicato nel nostro Learning Seed 😉

Ascoltandolo vi sembrerà di viaggiare con lui ❗

Intervista a nonno Mario, un pescatore e cacciatore speciale I viaggi di nonno Luciano.

 

Se volete  immergervi ancora di più nell’atmosfera avventurosa dei suoi  viaggi in terre lontane, vi consigliamo di sfogliare anche album delle fotografie 😮

Che preparato nonno Luciano……ha risposto con entusiasmo a tutte le nostre curiose domande

L'album fotografico degli animali esotici

L’album fotografico degli animali esotici

A proposito di animali esotici…
Anche noi, grazie al nostro fantastico naturalista Giamprimo Molinaro,  a scuola abbiamo avuto un incontro ravvicinato con un biacco nero, dai nostri nonni chiamato “scarbonasso”. 🙄
Si tratta di un bellissimo esemplare di colubro maschio, di circa 5/6 anni, molto reattivo, infatti a ogni minimo sussulto si girava di scatto mostrandoci la bocca aperta e la lingua biforcuta!
Abbiamo imparato che lo “scarbonasso” non è velenoso osservando la sua pupilla rotonda. La vipera, invece, che ha la pupilla verticale, è velenosa! Bisogna stare attenti quando si va per boschi e per prati, perché, come ci ha spiegato nonno Mario, se spaventata reagisce con un morso che può essere molto pericoloso 👿
Lo “scarbonasso”, che vive un po’ in tutta Italia, è carnivoro e si nutre di altri piccoli sauri, lucertole, minuscoli roditori e rane.

Incontro ravvicinato con uno "scarbonasso"

Incontro ravvicinato con uno “scarbonasso”

L’album è inserito anche nella  mappa concettuale dei VERTEBRATI DELLA CAMPAGNA nel nostro Learning Seed. 😛

Un saluto dagli alunni delle classi quarte di San Bortolo con le insegnanti Barbara e Giorgia 🙂

 

L’incontro con nonno Mario, un grande cacciatore e un esperto pescatore

2 maggio 2014

Cari amici 3t,

martedì 22 aprile, è venuto a trovarci a  scuola Mario, un nonno speciale  che avevamo già conosciuto alla casa di riposo Scalabrin, in occasione della Festa di Carnevale, e che ci aveva cantato “OH, MIA BELLA MADONNINA“. 🙂

Accompagnato dall’educatore Gianluigi, Mario ci ha narrato le sue avventure e in particolare ci ha raccontato che da giovane  è stato un grande cacciatore e  un esperto pescatore.

Per quanto riguarda la pesca ci ha spiegato che il fiume Retrone era per lui  e per la sua famiglia una fonte di “guadagno“. Fin da piccolo, infatti,  accompagnava il suo papà a pescare anguille, lucci, trote e  salgarelle,  utilizzando  la nassa, la “bilancia” e la fiocina detta “frissa“. Ricordando la sua attività di pescatore, però, ci ha precisato più volte che non pescavano per svago, ma per procurarsi il  cibo e per il baratto. I pesci migliori, infatti, venivano portati ai contadini, che in cambio offrivano i loro prodotti come la farina e le uova.  Questo valeva anche per la caccia: Mario ha dedicato molti giorni della sua vita alla caccia alla volpe per vendere la pelliccia a “Aroooo“, lo ” strasaro” che passava per le case e che prendeva, in cambio di altri alimenti, le parti degli animali che non venivano mangiate, come la pelle del “conejo” e  gli ossi, il pelo e  le unghie del “mas-cio“. 😎

Nonno Mario ha fatto per anni anche il “mas-ciaro”, quindi ci ha parlato molto del “mas-cio” e dei suoi usi, ma se  cominciassimo a elencarli tutti, stasera saremmo ancora qui!! 🙂 🙂 Ricordiamo soltanto un proverbio che ci ha recitato:  “Chi che ga el mas-ceto xè un sioreto“. 😉

Mario si è dimostrato un grande intenditore di animali e in particolare di quelli selvatici, dei quali ci ha svelato un sacco di curiosità. Ci ha parlato molto della  volpe,  dei gamberi di fiume, del “mas-ceto riso” e della vipera. 😀

Infine ci ha raccontato una cosa che ci ha fatto rabbrividire: andava  a caccia di rane per mangiarle!  😕  A maggio, ogni sera,   ne catturava circa 150 e lo strumento che usava era la spunciarola 😡 Con “l’acqua in bocca” ci ha raccontato che erano molto buone e che anche queste erano una merce di scambio per i prodotti  dei contadini.

Ecco il podcast dell’intervista nel nostro Learning Seed:

Intervista a nonno Mario, un pescatore e cacciatore speciale Intervista a nonno Mario, un grande cacciatore e un esperto pescatore

Incontro con nonno Mario

 

Ci ha spiegato, però, che non tutte le rane sono commestibili, come ad esempio il rospo che non  ha un buon sapore…. 😆 Per la fortuna della nostra amica “rospa” che è venuta a trovarci a scuola 😉

Proprio così, circa un mese fa, il naturalista Gianprimo Molinaro, ci ha fatto una sorpresa e ci ha portato a scuola una femmina di rospo  🙂 E’ stata una bellissima esperienza perchè abbiamo avuto la possibilità di osservare da vicino questo grosso anfibio marrone, di toccarlo e addirittura di prenderlo in mano. Dopo qualche titubanza iniziale, abbiamo preso coraggio e ce la siamo passati di mano in mano 😛  Che sospiro di sollievo quando abbiamo sentito che nessuno le avrebbe dato la caccia per mangiarsela ❗

Ecco l’album della visita inaspettata 😀

Incontro ravvicinato con una femmina di rospo

Ciao a tutti dagli amici 3T di San Bortolo e dalle maestre Barbara e Giorgia .

 

 

CARNEVALE “ANIMALESCO” con i NONNI DELLA CASA DI RIPOSO “SCALABRIN”

26 febbraio 2014

Cari amici 3T,

lunedì 24 febbraio siamo andati in visita alla Casa di riposo “Scalabrin” di Arzignano a portare agli ospiti l’allegria e la gioia “animalesca” del Carnevale. :mrgreen: Ad accompagnarci in questa avventura, oltre alle nostre maestre,  c’erano anche  due  nuove amiche del liceo “Da Vinci” di Arzignano, le tirocinanti Anna e Francesca. 😀

Per prepararci all’occasione, nei giorni precedenti, abbiamo creato delle mascherine a forma di animali (argomento del nostro progetto 3t) 😎 per poter presentarci ai nonni come piccoli e simpatici cuccioli, per farli divertire e per risvegliare in loro i ricordi della vita di campagna . 🙂

Ecco a voi il procedimento per diventare tenere bestioline: 😆

Le maschere degli animali della fattoria

Una volta arrivati alla Casa di riposo abbiamo indossato le nostre mascherine e siamo entrati nel salone dove tutti i nonni, curiosi di vederci e di sentirci, ci stavano aspettando. 😯 Il nostro cuore batteva a mille per le emozioni che provavamo e per la paura di fare qualche errore. Per fortuna l’educatore Gianluigi ci ha accolti e  presentati con onore e tanti complimenti che ci hanno fatto coraggio. 😉

Subito dopo abbiamo iniziato a cantare “E’ CARNEVALE”, “NELLA VECCHIA FATTORIA” e, infine, “ME COMPARE GIACOMETO”, una tipica canzone della tradizione veneta, tanto apprezzata dai nonni. 🙂 Cantando e ballando ci siamo sparpagliati in mezzo agli ospiti presenti in sala e abbiamo ripetuto insieme a loro le canzoni. Infine, spensierati e gioiosi, abbiamo fatto il trenino a ritmo di musica, circondando i nonni di tanta allegria. 😀

Concluso il momento musicale, li abbiamo coinvolti in un gioco molto divertente e interessante che abbiamo potuto realizzare grazie agli oggetti di nonno Attilio 💡 Esso consisteva nel mostrare degli  strumenti del passato e chiedere ai nonni se li conoscevano e a che cosa servivano a quel tempo. Erano preparatissimi in questa materia! 😎 I nonni si sono divertiti quanto noi e ci hanno dato un sacco di informazioni. Che emozione scoprire nuovi vocaboli, molti in dialetto veneto! 😯

Infine nonno Mario, dopo averci descritto la tecnica della caccia alla volpe, ci ha cantato una dolce canzone intitolata “Oh mia bela Madonina” mentre alcune nonne lo aiutavano nel ritornello 😆

Ecco le foto di questa magnifica festa.

Carnevale con i NONNI della Casa di Riposo “Scalabrin”

Per ringraziarci ci hanno offerto un dolce rinfresco a base di crostoli, quindi siamo ritornati a scuola più felici che mai portando con noi il ricordo dei nonni che sembravano essere ritornati bambini. 😛

Gli alunni 3t di San Bortolo, le maestre Barbara e Giorgia e le tirocinanti Anna e Francesca

Spaccati di vita contadina dei nostri nonni

21 febbraio 2014

Cari amici 3T,

finalmente abbiamo iniziato  il viaggio con i nonni alla scoperta degli animali della campagna, attraverso l’attività di digital storytelling.

Il lavoro si è articolato in sei punti fondamentali:

1 L’INCONTRO CON I NONNI A SCUOLA: LA NARRAZIONE IN AMBIENTE “REAL LIFE”

Mercoledì 5 febbraio, i nonni ATTILIO, NELLO E FLORA sono ritornati bambini e sono venuti a scuola a raccontarci le loro esperienze e le loro avventure a contatto con gli animali. Essi, da giovani, non avevano una vera fattoria, infatti si definiscono “nonni di montagna”, ma avevano un piccolo campetto e allevavano alcuni animali come mucche,  pecore,  maiali e galline per ricavarne carne, latte e uova. Ogni giorno, poi, dovevano “fare i conti” con gli animali selvatici come la volpe, la faina e la “poja“, che erano ghiotte di galline, e il tasso e la talpa che danneggiavano gli orti. Per spaventarli e allontanarli si ingegnavano con stratagemmi e trappole e ne hanno portata una vera, tutta arrugginita: la “tanaja“. Che impressione! 😯

I loro racconti sono stati molto interessanti, ci hanno incuriosito un sacco, ci hanno fatto ridere e divertire, 😆 ma ci hanno suscitato anche un po’ d’invidia 😡 perché, a differenza di noi, i bambini di una volta erano liberi di stare in mezzo alla natura e di stare a contatto con diversi animali che vagavano liberi per le contrade come il gatto, il cane, molti uccelli e anche…..qualche “morecioto“.

I nonni Attilio, Flora e Nello a scuola narrano in ambiente “real life”

2 LA RICOSTRUZIONE  DELLA NARRAZIONE CON LE DOMANDE DELL’INTERVISTA

Nei giorni successivi ci siamo riuniti a classi aperte, abbiamo confrontato i nostri appunti e abbiamo ricostruito il racconto dei nonni, discutendo a lungo insieme. 💡 Poi abbiamo preparato le domande per l’intervista ufficiale e l’elenco degli animali che studieremo nelle prossime settimane.

3 I PODCAST DEI E CON I NONNI: LA NARRAZIONE IN AMBIENTE “DIGITAL LIFE”

Mercoledì 19 febbraio, i nonni sono ritornati a scuola un po’ tesi per la registrazione dell’intervista. Li abbiamo accolti con una postazione attrezzata di computer, microfono, casse e registratore portatile per podcaster (che abbiamo vinto lo scorso anno al concorso European Podcast Award 2012). 😎 Erano stupiti da tutta questa tecnologia! 😮  ➡

A turno noi abbiamo fatto le domande ❓ e loro ci hanno risposto in modo un po’ emozionato, 😳 ma nello stesso tempo spontaneo e divertente. 😛

I nonni Attilio, Flora e Nello a scuola narrano in ambiente “digital life”

4 LA PUBBLICAZIONE DEI PODCAST

Al termine abbiamo riascoltato tutte le registrazioni fatte con il programma Audacity e le abbiamo assemblate in alcuni file audio, togliendo eventuali rumori e pause troppo lunghe. Quindi abbiamo pubblicato le nostre “puntate” nel podcast 3T.

5 IL WIKI

Terminati i podcast, li abbiamo embeddati nel wiki 3T e in particolare nella sezione iniziale del nostro Learning Seed che s’intitola “Con i nonni alla scoperta degli animali e delle tradizioni ad essi legate”.  Qui inseriremo poi tutte le attività che faremo sugli animali.

I podcast dei nonni Nello, Flora e Attilio  I podcast dei nonni Nello, Flora e Attilio frecciasx

6 PUBBLICAZIONE DELL’ARTICOLO NEL BLOG

Infine, soddisfatti del nostro lavoro, 😀 eccoci qui a pubblicare l’articolo e a raccontarvi come siamo arrivati a questo punto.

E’ stata un’esperienza molto interessante anche perché i nonni hanno arricchito i loro racconti con oggetti di una volta che ci hanno portato a scuola: attrezzi, materiale scolastico e giochi.

Viva i nonni 🙂 e speriamo che ci sia il sole per il primo aprile, quando noi saliremo da loro, in montagna! 😀

Gli alunni delle classi quarte di San Bortolo con le insegnanti Barbara e Giorgia